Ad aprile apre “La Salana”, l’ostello della via Francigena di Capannori

Ad aprile apre “La Salana”, l’ostello della via Francigena di Capannori

Una struttura di riferimento per la comunità di Capannori e per l’accoglienza di pellegrini della via Francigena e di turisti, con 24 posti letto, servizio bar e ristorante. Uno spazio a disposizione dei cittadini con una sala riunioni per associazioni, accesso internet, 2 mila metri quadrati di giardino con un “forno di comunità” dove tutti potranno cuocere il pane e un punto noleggio gratuito di biciclette a pedalata assistita. Sono questi i punti di forza dell’ostello “La Salana” di Capannori che entro la fine di aprile aprirà nell’immobile recuperato grazie all’amministrazione comunale e alla Regione Toscana. A gestirlo sarà Quinto Miglio srls, cui il Comune ha affidato la gestione per 10 anni. Si tratta di una società composta da giovani del territorio: Alessandro Solinas, Carlo Basili, Alessandro Fantozzi e Marco Cecchi, che hanno visto nell’ostello un’opportunità per Capannori.

“Oggi è a disposizione della comunità, dei turisti e dei pellegrini questa struttura che pone al centro l’accoglienza, l’incontro e la socializzazione – commenta il sindaco Luca Menesini -. Un immobile strappato all’incuria e al degrado che diventa un centro vitale. L’ostello si inserisce infatti nel più ampio progetto ‘Capannori città’ con il quale stiamo ricucendo e ricucendo le zone centrali del comune. Particolarmente strategica è la sua posizione lungo la via Francigena, che sta riscuotendo un interesse crescente legato al turismo ‘lento’. Sono contento che giovani del territorio abbiano creduto nelle enormi potenzialità della struttura sposando la nostra visione del suo sviluppo. Rivolgo quindi a loro un forte in bocca al lupo”.

“Crediamo fortemente in questo progetto perché l’ostello ha un enorme potenziale – aggiunge Alessandro Solinas, amministratore delegato di Quinto Miglio srls -. Si trova in un punto strategico e l’amministrazione comunale sta lavorando molto bene per dare un nuovo slancio al centro di Capannori, compiendo importanti opere a beneficio dei cittadini e dei turisti. In modo particolare abbiamo notato che il sindaco e la giunta credono fermamente nella via Francigena, come dimostrano gli investimenti compiuti nell’immobile dell’ostello e nella pista ciclo pedonale che collega Capannori a Lucca. Metteremo tutti noi stessi nell’ostello”.

L’ostello “La Salana”, che riprende il soprannome della signora che abitava nell’immobile, sarà aperto 7 giorni su 7 ed accoglierà tutti. I pellegrini della via Francigena che dispongono delle credenziali, cioè del passaporto che ne attesta il passaggio nelle varie tappe, avranno un listino dei servizi di pernottamento e ristorazione più basso di circa il 40% rispetto agli altri turisti.

Presso la struttura sarà attivo anche un punto di informazione e accoglienza turistica (Iat) che funzionerà anche da punto timbro delle credenziali della Francigena.

L’ospitale si articola su tre piani per complessivi 24 posti letto, di cui alcuni accessibili alle persone con disabilità. All’ultimo piano è disponibile anche una sala comune con biblioteca, postazioni internet e attrezzata per videoproiezioni. Sia gli ospiti sia le associazioni del territorio potranno utilizzarla per incontri.

Presso “La Salana” sarà attivo anche un punto di bike sharing. Qualsiasi cittadino o ospite, gratuitamente, potrà prendere una delle 5 biciclette a pedalata assistita a disposizione, utilizzarla per spostarsi a Capannori e poi riportarla.

I giovani gestori hanno inoltre in programma, nello spirito degli indirizzi dell’amministrazione comunale, di valorizzare ulteriormente l’area verde esterna, con il recupero di un vecchio forno, che diventerà un “forno di comunità”; in pratica ogni cittadino potrà portarvi a cuocere il pane e, nell’attesa, potrà socializzare con le altre persone che si trovano all’ostello. All’esterno sono previste anche la coltivazione di un orto e interventi migliorativi. In questo modo l’ostello potrà ospitare eventi legati al cibo. Sono in fase di predisposizione anche convenzioni con altre strutture e progetti legati alla scoperta dei prodotti a chilometri zero e alle bellezze paesaggistiche del territorio. L’obiettivo è quello di organizzare molte eventi ed iniziative per far vivere la struttura promuovendo Capannori e la via Francigena.

‘La via degli acquedotti’ un viaggio a piedi da Lucca a Pisa sabato 24 e domenica 25 marzo

‘La via degli acquedotti’ un viaggio a piedi da Lucca a Pisa sabato 24 e domenica 25 marzo

L’associazione “Piedi in cammino” in collaborazione con l’Ostello ‘Il Rio di Vorno’ organizza per sabato 24 e domenica 25 marzo “La via degli acquedotti”, un viaggio a piedi lungo un itinerario escursionistico da Lucca a Pisa. Il ritrovo è fissato alle ore 15 di sabato presso la cattedrale di San Martino.
Il percorso toccherà alcuni dei luoghi più suggestivi dei territori, a cominciare dal Monte Pisano con “Le parole d’oro”, la Gallonzora e Vorno, che sarà il punto tappa.

Il giorno successivo il percorso salirà ancora per il monte e si arriverà sul versante pisano. Si scenderà per la Valle delle Fonti e si arriverà ai Bottinelli, opere di captazione e regimazione idraulica dell’Acquedotto Mediceo. Si proseguirà poi verso Pisa dove il cammino terminerà alla Fontana dei Putti di Piazza dei Miracoli.
Il contributo richiesto è  di 42 euro + 25 per l’iscrizione. A questo si aggiungono le spese del cibo e del pernottamento.
Per ulteriori informazioni: http://www.piediincammino.it/eventi/24032018/. Per iscrizioni telefonare al numero 3475870026

Via Crucis vivente sabato 24 marzo a Ruota

Via Crucis vivente sabato 24 marzo a Ruota

La comunità di Ruota commemora e ricostruisce il percorso doloroso di Cristo che si avvia alla crocifissione sulla collina del Golgota a Gerusalemme. Sabato 24 marzo a partire dalle ore 21 nel borgo collinare si svolgerà infatti la terza edizione della “Via Crucis Vivente”, evento promosso dall’associazione culturale Presepe Vivente di Ruota 1990 insieme alla locale parrocchia.

Con partenza dalla piazza del rio, i figuranti metteranno in scena lungo le vie del paese le 14 stazioni, come la condanna a morte, il caricamento sulla croce e le cadute. L’ultima tappa, dopo aver percorso la via lungo il bosco che porta al monumento agli alpini, sarà in località “La Cava” dietro la chiesa, dove sarà rappresentata la crocifissione.
L’iniziativa, che coniuga fede e spettacolo, è anche un modo per promuovere le tradizioni e le bellezze architettoniche e paesaggistiche di Ruota, borgo già noto per il “Presepe Vivente” che si svolge ogni anno il 26 dicembre.
L’ingresso alla “Via Crucis Vivente” è gratuito. Sarà possibile accedere al paese anche in auto, visto che sarà chiusa al transito solo la via interna al borgo. In caso di maltempo l’iniziativa si svolgerà domenica 25 marzo sempre alle ore 21.

“La prospettiva rovesciata”, venerdì 23 marzo ad Artémisia incontro sulla giustizia riparativa

“La prospettiva rovesciata”, venerdì 23 marzo ad Artémisia incontro sulla giustizia riparativa

“È osceno che noi siamo ancora vivi, mentre altri sono morti”. Tra le pagine de “Il libro dell’incontro – vittime e responsabili della lotta armata a confronto”, si legge anche questo. Sono tanti i pensieri e le riflessioni dei criminali e delle loro vittime – più facilmente dei parenti delle vittime – raccolti in questo toccante volume (edizioni Il Saggiatore) dai mediatori penali Guido Bertagna, Adolfo Cerretti e Claudia Mazzucato. Proprio dalle pagine di questi scritti si partirà, venerdì 23 marzo, alle ore 21.00 al polo culturale Artémisia a Tassignano, per parlare di giustizia riparativa, ovvero di quel delicato percorso  – per lo più ancora sconosciuto in Italia – che porta a incontrare reo e vittima per capire davvero la gravità e “il senso” di un crimine.  Per la rassegna “I venerdì letterari” di Capannori, organizzata dal Comune di Capannori in collaborazione con Ecoeventi e il supporto di Ubik Lucca, relatori speciali per parlare sul tema saranno Davide Bellarte, responsabile del progetto Jonathan di Vicenza, una delle prime case accoglienza per detenuti in pene alternative nata in Italia e un “ospite” del progetto. Modera l’incontro la giornalista Romina Lombardi.

Il Progetto Jonathan opera in Veneto dal 1989 e ha per obiettivo l’accoglienza, l’accompagnamento ed il reinserimento sociale dei detenuti con preferenza per i più giovani e poveri, specialmente attraverso il lavoro. L’obiettivo è dare alle persone recluse una possibilità di vita all’interno della legalità, permettere loro di lavorare e riallacciare relazioni significative, vedere modalità di vita possibili diverse da quelle criminali e devianti. Dalla sua fondazione, il Progetto Jonathan ha accolto oltre 300 detenuti che potevano disporre delle pene alternative quali la semilibertà, l’affidamento ai servizi sociali esterni e la detenzione domiciliare, riuscendo a far rientrare in società molte persone che hanno smesso di delinquere e, anzi, che hanno intrapreso percorsi di riparazione verso la società stessa. Per capire quanto le strutture come il Jonathan – ancora poche in Italia – siano utili soprattutto per la sicurezza dei cittadini, basta un dato: in Veneto chi sconta gli ultimi anni di condanna in pene alternative torna a delinquere nell’8% dei casi, chi sconta solo in carcere lo fa nel 70% .

L’ingresso è gratuito. Per informazioni: biblioteca “Ungaretti” telefono 0583/936427, email artemisia@comune.capannori.lu.it

La Pallavolo Nottolini Capannori organizzerà la Final Four di Coppa Italia Serie B Femminile. Appuntamento il 30 e il 31 marzo al Palatagliate

La Pallavolo Nottolini Capannori organizzerà la Final Four di Coppa Italia Serie B Femminile. Appuntamento il 30 e il 31 marzo al Palatagliate

Venerdì 30 e sabato 31 marzo 2018 al Palatagliate di Lucca si svolgeranno le Final Four della Coppa Italia Serie B femminile di pallavolo. L´organizzazione della competizione è infatti stata assegnata alla Società Pallavolo Nottolini di Capannori, che ha già da alcune settimane ha messo in moto la macchina organizzativa per gestire al meglio questo importante evento.

Oltre alla formazione locale della BioNatura Nottolini Capannori parteciperanno il Convergenze CUS Siena, il Futura Giovani Busto Arsizio e il LP Pharm Napoli.

L’evento è patrocinato dal Comune di Capannori.

Inizia quindi il conto alla rovescia per questo importante momento di volley per far vivere al nostro Comune e a tutta la provincia di Lucca una due giorni di pallavolo di alta qualità.

Per informazioni

Gare e biglietti

Asd Pallavolo Nottolini Capannori: sito web ufficiale

Nottolini Volley: pagina Facebook ufficiale

Pin It on Pinterest

UA-103191071-1