Mercoledì 25 aprile a Camigliano il torneo nazionale “CAPANNORinBASKIN”

Mercoledì 25 aprile a Camigliano il torneo nazionale “CAPANNORinBASKIN”

Per il secondo anno consecutivo Capannori sarà capitale del baskin, la disciplina inclusiva che, ispirandosi al basket, mette sullo stesso piano donne e uomini con disabilità e normodotati. Mercoledì 25 aprile dalle 9.30 fino al tardo pomeriggio nella palestra della scuola secondaria di Camigliano si svolgerà infatti il torneo CAPANNORinBASKIN promosso dai Warriors Baskin Capannori in collaborazione con il Comune. Protagoniste saranno quattro delle più importanti squadre italiane: i padroni di casa Warriors Baskin Capannori, Caorso baskin team (di Caorso in provincia di Piacenza), una delle formazioni più vecchie, la Polisportiva Oratorio S. Ilario di Cremona, che ha partecipato alle finali nazionali di baskin, e la Lupo Baskin Pesaro, anch’essa finalista.

“L’amministrazione comunale da anni sta portando avanti iniziative volte a promuovere lo sport come come occasione inclusiva – commenta l’assessore allo sport, Serena Frediani -. Diamo quindi ben volentieri il nostro appoggio a questa manifestazione di baskin, sport relativamente nuovo che sta acquisendo sempre più popolarità grazie alla sua capacità di mettere tutti sullo stesso piano. Ringrazio i Warriors che con grande impegno stanno contribuendo alla sua diffusione”.

“Dopo il successo dello scorso anno ripetiamo questo appuntamento che ha l’obiettivo di far conoscere questo sport che offre grandi capacità di integrazione – afferma Gianluca Orsi, coordinatore tecnico dei Warriors Baskin Capannori -. La peculiarità del torneo è il mettere al centro Capannori, non solo come Comune particolarmente attivo nell’accrescimento della coesione sociale grazie allo sport, ma anche come organizzazione e logistica. Il nostro auspicio è quello di creare un legame sempre più stresso fra questo sport e  Capannori”.

La giornata avrà due momenti. Il primo a partire dalle ore 9.30 con le partite eliminatorie, il secondo dalle 15 con le finali.

Anche quest’anno il vignettista Alessandro Sesti ha dato il proprio contributo al torneo disegnando una vignetta che sarà donata alle squadre partecipanti. Raffigura la pieve di Capannori dove si trovano due canestri in cui due persone, una con disabilità l’altra normodotata, stanno per insaccare un pallone. Oltre a numerosi sponsor, la manifestazione ha ottenuto il supporto di “Light up blue Lucca”, progetto volto a sensibilizzare ed informare l’opinione pubblica sul tema dell’autismo.
L’ingresso è libero.

A Tofori si celebra la 73° Festa della Liberazione

A Tofori si celebra la 73° Festa della Liberazione

È Tofori il paese che quest’anno ospiterà le celebrazioni di Capannori della Festa della Liberazione. La cerimonia, promossa dal Comune di Capannori con la collaborazione della comunità di Tofori, si svolgerà a partire dalle ore 10.30 alla chiesa di Santa Maria Assunta.

Si conferma quindi l’obiettivo dell’amministrazione comunale di valorizzare le frazioni del territorio che hanno contribuito a difendere gli ideali della democrazia durante la seconda guerra mondiale. Negli anni passati, infatti, il 25 aprile era stato festeggiato in altri paesi.

Momento più importante della celebrazione sarà la scopertura della targa in memoria di Clotilde Nardini, signora nata a Tofori che nello scorso gennaio è stata insignita dell’onorificenza “Giusta tra le nazioni”. Clotilde salvò dalla deportazione due bambini ebrei, Silvano Sorani e Ornella Sara Sorani. L’appuntamento sarà arricchito dalla testimonianza di Silvano Sorani e dall’intervento della famiglia Nardini.

La festa della liberazione a Tofori si aprirà con i saluti del sindaco, Luca Menesini cui seguirà un’introduzione agli eventi accaduti nella zona durante la seconda guerra mondiale da parte di Emmanuel Pesi, storico dell’età contemporanea. È previsto anche l’intervento di Elgi Cadonici, figlio del carabiniere Agostino Cadonici   che entrò a far parte del gruppo partigiano Sts (Sant’Andrea in Caprile, Tofori, San Gennaro) contribuendo a liberare dall’occupazione tedesca il territorio capannorese.

La mattinata sarà impreziosita dal momento musicale a cura della corale “G. Puccini” di Camigliano e della Filarmonica “G. Puccini” di Segromigno in Monte. Alle ore 12, a conclusione, ci sarà un momento conviviale.

Sempre in tema di Memoria, venerdì scorso (20 aprile) in via di Tofori è stato inaugurato un cippo in memoria di Duilio Mancini, giovane partigiano toforese della formazione Sts che il 6 settembre del 1944 fu ucciso dai tedeschi vicino alla strada. Il monumento commemorativo, realizzato dalla comunità di Tofori, è stato collocato con la collaborazione del Comune di Capannori e della famiglia Gambaro. Erano presenti l’assessore alle politiche educative, Francesco Cecchetti, il consigliere comunale Elio Cesari, cittadini di Tofori e Carla Gambaro.

Al via “Tutti in gioco” nelle scuole per promuovere lo sport per tutti

Al via “Tutti in gioco” nelle scuole per promuovere lo sport per tutti

Attività inclusive multidisciplinari svolte direttamente nelle scuole coinvolgendo un maggior numero di studenti – 2200 delle primarie e 700 delle secondarie – e impegno diretto delle associazioni. Sono questi i punti di forza dell’edizione 2018 di “Tutti in gioco”, manifestazione promossa dal Comune di Capannori e associazioni sportive del Forum delle associazioni in collaborazione con i quattro istituti comprensivi del territorio e il contributo della Fondazione Banca del Monte di Lucca,  che pone al centro lo sport per tutti mettendo sullo stesso piano persone con disabilità e normodotate.

Proprio stamani (sabato) nella palestra della scuola secondaria di Lammari si è svolto un evento introduttivo di “Tutti in gioco”, che entrerà nel vivo a partire da martedì 24 aprile per poi concludersi con la grande festa aperta a tutti di domenica 20 maggio ai Laghetti di Lammari. Assieme alla squadra dei Warriors Capannori, l’associazione Luccasenzabarriere ha tenuto una presentazione e una dimostrazione del baskin, disciplina che permette a tutti i partecipanti – donne, uomini, normodotati e disabili – di giocare assieme. Sono stati coinvolti gli studenti della scuola. Erano presenti all’appuntamento, fra gli altri, l’assessore alle politiche per la scuola, Francesco Cecchetti, il coordinatore del settore sportivo del Forum delle associazioni, Gianluca Orsi, il presidente di Luccasenzabarriere, Domenico Passalacqua e il consigliere comunale Guido Angelini.

“E’ proprio fin da quando si è bambini che si devono imparare i valori dello sport – commenta l’assessore alle politiche per la scuola, Francesco Cecchetti –   Ecco perché l’amministrazione comunale promuove iniziative come questa che, attraverso attività ludiche e divertenti, fanno capire come davvero le discipline possano unire. Faccio i miei complimenti a tutte le associazioni che collaborano con il Comune per diffondere questi obiettivi”.

“Abbiamo voluto rilanciare ‘Tutti in gioco’ per rendere ancora più efficace il forte messaggio educativo che stiamo portando avanti da anni con questa manifestazione – aggiunge l’assessore allo sport, Serena Frediani -. La nuova formula di questo appuntamento ci permette di raggiungere più scuole e più bambini. Un grosso merito va al Forum delle associazioni di Capannori che è stato capace di unire e motivare le associazioni del settore. Ringrazio i dirigenti scolastici che ancora una volta si dimostrano sensibili a tematiche di grande impatto sulla comunità”.

“Il forum, recentemente rinnovato, sta sviluppando reti sempre più forti, in collaborazione con l’amministrazione comunale, di cui questa edizione di ‘Tutti in gioco’ è una concreta dimostrazione – afferma il coordinatore del settore sportivo del Forum delle associazioni, Gianluca Orsi -. E’ stato fatto un grande lavoro per  la manifestazione che nasce per promuovere l’inclusione nello sport e per far capire che ci si può divertire tutti assieme senza alcuna distinzione. Come evento introduttivo di ‘Tutti in gioco’ abbiamo scelto il baskin perché è uno sport particolarmente rappresentativo di questo messaggio”.

L’evento del baskin sarà ripetuto il 12 maggio alla secondaria di Camigliano, parallelamente alle altre iniziative di “Tutti in gioco” che nelle scuole si svolgeranno fino a venerdì 18 maggio, due giorni prima della festa finale del 20 maggio ai Laghetti.

Giovedì 26 aprile ad Artè Debora Caprioglio in “Callas d’incanto”

Giovedì 26 aprile ad Artè Debora Caprioglio in “Callas d’incanto”

Giovedì 26 aprile alle 21.15 a salire sul palco di Artè, nell’ambito della stagione artistica dal Comune di Capannori diretta e organizzata da Battista Ceragioli Management, sarà Debora Caprioglio che in “Callas D’Incanto” vestirà i panni di Bruna, la governante di Maria Callas dal 1953 al 1977.

L’opera, scritta e diretta da Roberto D’Alessandro, racconta la storia della fedele servitrice che è stata praticamente l’ombra della Callas conoscendone tutti i suoi segreti e diventando una sorta  di memoria storica dell’artista.
In ogni situazione Bruna è presente, smette di essere governante per diventare sempre più ancora di salvezza, confidente, amica in una vita vissuta di riflesso grazie alla Callas, quella “magnifica presenza” che ha incarnato l’essenza stessa di un mito intramontabile.

Biglietto unico 15 euro, ridotto 12 euro. Prevendite su www.vivaticket.it

Per informazioni 392 3409380; teatrocapannori@gmail.com.

Domenica 29 aprile Marcia delle Ville 2018

Domenica 29 aprile Marcia delle Ville 2018

Con più di 17.000 presenze toccate il 30 aprile 2017 ha battuto tutti i record per le non competitive nella regione. La manifestazione inizia al mattino con la partenza libera alle 8:00 e si protrae fino alle 13:00.

I tre punti cardine di questo successo sono: Il paesaggio, i ristori e l’organizzazione. Tutto questo fa si che la Marcia delle Ville sia un evento podistico, molto partecipato.

www.marciadelleville.it

PAESAGGIO
La marcia si svolge per lo più sulle colline a nord est della cittadina di Marlia, in un contesto naturale e paesaggistico di rara bellezza, nel quale le molte ville attraversate (dalle quali la marcia prende nome) sono al centro dei vari percorsi di 3,5 -7 -10 – 16 – 20 e 28 Km, e visitarle aumenta la gioia di quanto si và a scoprire passeggiando o correndo.

RISTORI
Nei vari ristori lungo i percorsi fino al ristoro finale sono disponibili svariate quantità di cibo e bevande, dalle torte ai panini e affettati, pasta al pomodoro, frutta, acqua, thé, bibite e vino. I ristori sono uno dei punti all’occhiello della Marcia, data la presenza di un gruppo numeroso di persone a disposizione dei partecipanti.

ORGANIZZAZIONE
Il gruppo podistico Marciatori Marliesi che ha iniziato questo percorso di ormai più di 40 anni, ha ideato nel 1976 la prima Marcia della Villa, riferita ad una sola villa, la “VILLA REALE” che rimane anch’oggi il centro e il simbolo della manifestazione. Il gruppo sportivo ASD Marciatori Marliesi ha circa 80 soci, ma durante la marcia si uniscono circa 250/300 collaboratori , volontari di atre associazioni della piana di LUCCA e non solo. I volontari presidiano i percorsi e i ristori, oltre a dare indicazioni per il percorso e garantiscono la sicurezza di chi partecipa.

Una manifestazione di così importante partecipazione è molto complessa e necessità sia di impegno da parte dell’associazione ma anche dei partner, istituzioni e degli sponsor senza il cui contributo economico non ci sarebbero le risorse per farla.

Vi aspettiamo a braccia aperte, provate la nostra accoglienza e ospitalità. Non ve ne pentirete!

Pin It on Pinterest

UA-103191071-1