Sabato 13 ottobre a Capannori la campagna “Io non rischio” per le buone pratiche della protezione civile

Sabato 13 ottobre a Capannori la campagna “Io non rischio” per le buone pratiche della protezione civile

Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con “Io non rischio”, la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile che si terrà anche sul territorio provinciale sabato 12 e domenica 13 ottobre a Lucca, Capannori, Porcari, Castelnuovo di Garfagnana, Villa Collemandina, Pietrasanta e Seravezzaa. Il volontariato di protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme per comunicare sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. Nel prossimo fine settimana, quindi, volontari e volontarie di protezione civile allestiranno punti informativi “Io non rischio” nelle piazze principali, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio terremoto e sul rischio alluvione.

Capannori l’appuntamento è in piazza Aldo Moro dove sabato dalle 9 alle 13 sarà trattato il rischio terremoto-maremoto. Qui saranno presenti studenti e docenti dell’ITG Nottolini di Lucca che porteranno la loro piattaforma sismica.

Saranno presenti gazebi informativi delle associazioni di volontariato di Protezione civile oltre a gazebi istituzionali di enti e strutture operative del sistema di protezione civile: Comuni, Unioni di Comuni, Vigili del Fuoco, Regione Toscana Centro Funzionale, Servizio Sismico, Difesa del Suolo, Consorzio di Bonifica Toscana Nord. In ogni piazza ogni associazione di volontariato organizzerà anche una linea del tempo con i più significativi eventi alluvionali e sismici che hanno interessato il territorio.

Durante la mattinata di sabato, oltre all’attività informativa rivolta a tutti i cittadini, saranno invitati a partecipare gli studenti delle classi 4^ e 5^ di alcuni istituti superiori del territorio-

“Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

L’iniziativa nazionale sulle buone pratiche di protezione civile è promossa, a livello locale, in collaborazione con la Regione Toscana, la Provincia di Lucca, i Comuni di Lucca, Capannori, Porcari, Castelnuovo Garfagnana, Villa Collemandina, Pietrasanta e Seravezza, l’Unioni dei Comuni della Garfagnana e della Versilia, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e il Consorzio di Bonifica Toscana Nord.

Sabato 19 ottobre nel Compitese l’iniziativa ‘Frantoi aperti’

Sabato 19 ottobre nel Compitese l’iniziativa ‘Frantoi aperti’

Una giornata alla scoperta dell’olio extravergine di oliva del Compitese grazie all’iniziativa ‘Frantoi aperti’, giunta alla quarta edizione, in programma sabato 19 ottobre su iniziativa del Centro culturale Compitese in collaborazione con il Comune. Due i frantoi che apriranno le porte al pubblico: il frantoio sociale del Compitese  e il frantoio ‘Alle Camelie’ di Pieve di Compito.

“L’obiettivo è valorizzare e far conoscere uno dei prodotti locali più antichi e tipici, vera eccellenza del territorio capannorese, l’olio extravergine di oliva, proprio nel periodo in cui viene prodotto – spiega l’assessore alla cultura Francesco Cecchetti -.  Un prodotto di alta qualità nato dalla sapienza di molte generazioni che nel tempo si sono tramandate saperi e tradizioni.  Questa nuova iniziativa mira a far conoscere ad un pubblico sempre più largo questo prezioso prodotto, e in particolare quello molto pregiato prodotto nella zona sud, a partire dalla frangitura e fino alla degustazione. Importanti anche le iniziative in programma al camelieto che andranno a valorizzare ancora di più questo giardino d’eccellenza”.

Il frantoio sociale del Compitese (via di Tiglio 609 -Pieve di Compito) sarà aperto dalle 9 alle 19.30 con vendita di prodotti tipici e degustazione dell’olio nuovo. Dalle 14 alle 18 sarà anche possibile assistere alla frangitura delle olive. Il frantoio alle Camelie presso l’azienda agricola ‘Alle Camelie’ (via della Pieve,186 -Pieve di Compito) sarà aperto dalle 16.30 alle 18.30 con la frangitura delle olive e degustazione di olio nuovo e carne alla brace (a pagamento, prenotazione consigliata tel. 393 55557409).
Sabato 19 e domenica 20 ottobre al Camellietum Compitese dalle ore 9 alle ore 18 sarà inoltre possibile visitare la terza mostra della Camelia Sasanqua a fioritura autunnale della quale il camelieto custodisce 60 esemplari.  La mostra sarà inaugurata sabato 19  ottobre alle ore 10.30 insieme al nuovo spazio dedicato alla camelia Higo, la camelia del Samurai

“Con la messa a dimora della camelia Higo andiamo praticamente  a completare il camelieto che adesso ospita le più importanti specie di camelia – afferma Augusto Orsi, presidente del Centro culturale Compitese-. In questo modo questo giardino d’eccellenza
sarà ancora più in grado di attrarre turisti e appassionati e di svolgere una funzione didattica per le scuole. Recentemente abbiamo anche creato uno spazio verde a disposizione dei cittadini e dei visitatori e creato un percorso ad anello lungo 850 metri che dalla casina del tè sale a Colle Lungo per poi scendere alla biglietteria del camelieto”.

Domenica 20 ottobre inoltre si terrà anche la XIII Marcia delle Camelie promossa dal Centro culturale compitese nell’ambito Trofeo Podistico Lucchese con partenza alle ore 8 dalla sede del Centro Culturale del Compitese.

Terza edizione 2020 Premio Letterario Nazionale Carlo Piaggia “La conoscenza vien viaggiando”

Terza edizione 2020 Premio Letterario Nazionale Carlo Piaggia “La conoscenza vien viaggiando”

PREMESSA

Entra sul sito per scaricare il bando: http://www.premiocarlopiaggia.it/bando/

Frazione del Comune di Capannori, in provincia di Lucca, Badia di Cantignano è collocata all’imboccatura della valle di Vorno, ai piedi dei monti Pisani, zona ricca di sorgenti d’acqua. Toccata da una variante della via Francigena grazie alla presenza del complesso abbaziale che identifica il luogo, Badia di Cantignano è stata per secoli un originale centro di civiltà e religiosità, prima benedettina e poi camaldolese.
L’aspirazione dei fondatori del Premio letterario nazionale “Carlo Piaggia” consiste nel restituire a questo ambiente la sua antica vocazione di crocevia tra sensibilità, esperienze e culture diverse, in una sintesi spirituale all’altezza dei problemi e delle esigenze del nuovo secolo e del nuovo millennio.
Il Premio letterario nazionale “Carlo Piaggia” nasce altresì con la finalità di contribuire a trovare nuove vie, modalità e strumenti per promuovere la comprensione reciproca, il dialogo interculturale ed interreligioso, la cultura della memoria.
Il personaggio scelto per essere guidati in questa direzione è la “figura luminosa di Carlo Piaggia” (così come lo definì Léopold Sédar Senghor), noto esploratore e scopritore, originario di Badia di Cantignano (1827-1882), uomo semplice, di umili origini, portatore di dialogo e di pace.

ART. 1

Le Associazioni “La Sorgente” e “Mirco Ungaretti Onlus” in collaborazione con l’Associazione culturale “Nuove Tendenze”, con il patrocinio della Regione Toscana, della Provincia di Lucca, del Comune di Capannori, del Comune di Lucca, della Fondazione Promo P. A. e dell’Associazione “Lucchesi nel Mondo”, con il contributo della Fondazione Banca del Monte, del Comune di Capannori, della Unicoop Firenze – Sezione di Lucca, indicono la Terza Edizione del Premio letterario nazionale “Carlo Piaggia”, rivolto ad opere edite e inedite.
La partecipazione è aperta a tutti gli autori, senza distinzione di nazionalità o cittadinanza, che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età alla data di scadenza del bando, prevista per il 31 dicembre 2019, ed è riservata alle opere in lingua italiana.

ART. 2

Il Premio si articola in tre sezioni.
Per tutte le sezioni è obbligatorio compilare la scheda di iscrizione.
Sono escluse dalla partecipazione le opere presentate nelle edizioni precedenti.
Gli autori possono partecipare al Premio con più di un lavoro, corrispondendo le relative quote di iscrizione. Ogni opera deve essere presentata separatamente e secondo le regole di spedizione riportate nel presente bando di concorso.

Sezione A Poesia Inedita – Alla memoria di Mirco Ungaretti “Da cuore a cuore”
Il tema è quello del viaggio, inteso come scoperta di realtà e di idee non conosciute, ma anche come occasione di incontro e di confronto con l’Altro, ovvero con tutto ciò che si presenta come differente per nazionalità, per cultura, per genere e per credo religioso; ancora, il viaggio inteso come percorso interiore di conoscenza di sé.
I partecipanti sono invitati a spedire fino a tre liriche, ciascuna di lunghezza contenuta in una pagina formato A4, in cinque copie. Una sola copia deve essere firmata e completa dei dati personali dell’autore: nome, cognome, data di nascita, domicilio, recapiti telefonici e indirizzo email. Se le liriche sono due o tre, dovranno essere riunite in cinque fascicoli pinzati. In sostituzione del cartaceo è possibile inviare i testi in formato PDF all’indirizzo email del Premio letterario. Le opere concorrenti devono essere rigorosamente inedite.

Sezione B Narrativa Inedita – “La conoscenza vien viaggiando”
Il tema, anche in questa sezione, è quello del viaggio, inteso come scoperta di realtà non conosciute, ma anche come occasione di incontro e di confronto con l’Altro, ovvero con tutto ciò che si presenta come differente per nazionalità, per cultura, per genere e per credo religioso; ancora, il viaggio inteso come percorso interiore di conoscenza di sé.
I partecipanti sono invitati a spedire cinque copie di un romanzo o di un saggio o di una raccolta di racconti di lunghezza complessiva non superiore alle duecentocinquantamila battute, spazi inclusi. Una sola copia deve essere firmata e completa dei dati personali e recapiti dell’autore: nome, cognome, data di nascita, domicilio, recapiti telefonici e indirizzo email. Tutte le copie dovranno essere fascicolate e pinzate. In sostituzione del cartaceo è possibile inviare l’opera in formato PDF all’indirizzo email del Premio letterario. Le opere concorrenti devono essere rigorosamente inedite, quindi non contrassegnate dal codice ISBN.

Sezione C Narrativa Edita – Alla memoria di Mirco Ungaretti “Da cuore a cuore”
Il tema è il viaggio, inteso così come indicato per le sezioni precedenti.
I partecipanti sono invitati a spedire quattro copie dell’opera stampata e pubblicata a partire dal gennaio 2017.

ART. 3

La presentazione di un’opera inedita al Premio è subordinata all’accettazione totale delle seguenti condizioni:
1. L’autore garantisce la titolarità e l’originalità dell’opera presentata, e che essa non sia copia o modificazione totale o parziale di altra opera, propria o altrui.
2. L’autore acconsente preventivamente all’eventuale divulgazione di estratti dell’opera tramite la stampa e i vari media.
3. L’autore garantisce che non ci sono terzi che possano rivendicare diritti sull’opera stessa e solleva, inoltre, da ogni e qualsiasi responsabilità in merito le Associazioni organizzatrici, i componenti della Giuria e le case editrici che collaborano con il Premio.

ART. 4

È obbligatorio l’invio della scheda di partecipazione, allegata al presente bando o scaricabile dal sito www.premiocarlopiaggia.it, in cui vanno indicati: la sezione o le sezioni a cui si intende partecipare, il titolo delle opere, le generalità anagrafiche e l’indirizzo completo, compreso il numero di telefono e l’email. È facoltativa la presentazione di un breve curriculum letterario.
Le opere delle sezioni A, B e C, complete di scheda di partecipazione e copia del versamento del contributo previsto, vanno spedite tramite posta ordinaria o piego di libri, entro il giorno 31 dicembre 2019 (farà fede la data del timbro postale di invio), al seguente indirizzo:

Associazione Culturale “La Sorgente”
Casella Postale n. 25
55060 Guamo – Capannori
(LUCCA)

Per la poesia e la prosa inedite è possibile inviare, in alternativa al cartaceo, le copie per posta elettronica all’indirizzo premiocarlopiaggia@gmail.com. Sarà comunque necessario allegare sia la scansione della scheda d’iscrizione completa di firma, sia la ricevuta di pagamento del contributo. Per le copie spedite tramite email vale parimenti la data del 31 dicembre 2019 come termine di invio.

ART. 5

Per partecipare al concorso, i concorrenti o le case editrici dovranno versare un contributo di venti euro per una sezione, venticinque euro per due sezioni, trenta euro per tre sezioni, sul C/C bancario n. 119948 del Banco Popolare di Lucca, filiale di Guamo (IBAN IT92W0503424735000000119948) intestato ad “Associazione Culturale La Sorgente”, Via Stipeti – 55060 Coselli – Capannori – Lucca, con la causale “Premio letterario Carlo Piaggia 2020”.
Si fa eccezione per gli scrittori e i poeti partecipanti alle sezioni “Narrativa inedita” e “Poesia inedita” che non abbiano ancora compiuto 26 anni alla data di chiusura del bando, consentendo loro di concorrere a titolo gratuito, al fine di favorirne la partecipazione (nel caso, è necessario allegare copia di un documento d’identità valido).

ART. 6

Le opere edite pervenute in formato cartaceo si intendono donate per finalità culturali e resteranno a disposizione della Segreteria organizzativa del Premio per eventuali iniziative di promozione (presentazioni, incontri con l’autore…).
Non è prevista la restituzione del materiale inviato.

ART. 7

I primi classificati delle sezioni A e C riceveranno un assegno di cinquecento euro e targa.
Il primo classificato della sezione B riceverà un assegno di cinquecento euro e la pubblicazione dell’opera vincitrice.
I secondi classificati delle sezioni A, B e C riceveranno un assegno di trecento euro e targa.
I terzi classificati delle sezioni A, B e C riceveranno un assegno di duecento euro e targa.
Menzioni Speciali potranno essere discrezionalmente attribuite dalla Giuria.
La Giuria potrà decidere, a proprio insindacabile giudizio, di non assegnare uno o più dei premi sopraindicati.
Al fine di documentare i riconoscimenti assegnati, sarà cura della Giuria inviare copia del verbale del Premio all’Annuario dei vincitori di premi letterari, per la pubblicazione in Internet, al seguente indirizzo: www.literary.it/premi.
I nomi dei finalisti verranno pubblicati sul sito web del Premio entro la fine del mese di maggio 2020; le opere vincitrici saranno proclamate pubblicamente nella giornata di premiazione. Ai vincitori sarà data comunicazione dalla Segreteria del Premio con congruo anticipo.

ART. 8

L’assegnazione dei premi si terrà sabato 13 giugno 2020.
Alla giornata di premiazione interverranno personaggi del mondo letterario e della cultura, e contestualmente sarà organizzato un incontro in cui gli autori premiati verranno intervistati e potranno presentare le proprie opere. Il programma dettagliato della manifestazione sarà reso pubblico a mezzo stampa e sul sito web ufficiale del Premio.
La premiazione avverrà nell’antica Chiesa abbaziale di Badia di Cantignano, paese di origine di Carlo Piaggia.
In caso di assegnazione ex aequo, il premio in denaro verrà diviso in parti uguali fra i vincitori.
Nella giornata di premiazione i vincitori dovranno ritirare personalmente i premi oppure, in caso di motivata impossibilità a partecipare, potranno farsi rappresentare da una persona di loro fiducia, con delega e documento di riconoscimento dell’autore.
I premi in denaro eventualmente non assegnati saranno utilizzati per promuovere iniziative di carattere culturale nell’ambito delle attività annuali legate al Premio.

ART. 9

Le opere saranno valutate a giudizio insindacabile da una Giuria Tecnica composta da scrittori, poeti, giornalisti e cultori di Lettere, e da una Giuria Popolare, formata da cittadini dei Comuni di Capannori e di Lucca, e composta da un massimo di trenta elementi. Alla Giuria Popolare spetterà leggere e valutare tutte le opere che la Giuria Tecnica ad un primo esame avrà ritenuto meritevoli di attenzione, e selezionare i finalisti di ciascuna sezione. Sarà quindi compito della Giuria Tecnica stabilire le terne dei vincitori di ciascuna sezione.

Presidente della Giuria
Oriana Spaziani Rispoli

Segretaria
Paola Battistoni

Giuria Tecnica:
Alessandra Altamura, scrittrice e insegnante di Lettere
Riccardo Bertolotti, poeta e ricercatore Università “La Sapienza”, Roma
Francesca Caminoli, scrittrice
Alessio Del Debbio, scrittore ed editore
Romina Lombardi, giornalista e scrittrice
Luciano Luciani, critico letterario
Irene Paganucci, poetessa
Oriana Spaziani Rispoli, presidente e dir. artistico dell’Associazione Culturale “Nuove Tendenze”
Elisa Tambellini, giornalista
Stefano Tofani, scrittore

ART. 10

La partecipazione al Premio implica l’accettazione incondizionata di tutti gli articoli del presente bando; per quanto non espressamente previsto da esso, valgono le decisioni insindacabili della Giuria.
Ai sensi del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, la Segreteria dichiara, ai sensi dell’art. 13, che il trattamento dei dati dei partecipanti al concorso è finalizzato unicamente alla gestione del Premio. Coloro che vi partecipano acconsentono automaticamente al trattamento dei propri dati personali.

ART. 11

Nessun rimborso è previsto per spese di viaggio, soggiorno e pernottamento dei vincitori o dei concorrenti che desiderassero partecipare alla giornata di premiazione.

Al via “Capannori Underground Festival”: Bobo Rondelli e Valerio Massimo Manfredi gli ospiti più attesi

Al via “Capannori Underground Festival”: Bobo Rondelli e Valerio Massimo Manfredi gli ospiti più attesi

Il cantautore livornese Bobo Rondelli e l’archeologo e scrittore di fama nazionale Valerio Massimo Manfredi sono gli ospiti più importanti di “Capannori Underground Festival 2019”, la rassegna di “Lucca Underground Festival” che si articolerà in tre appuntamenti il 12, il 19 e il 26 ottobre al teatro Artè e al polo culturale Artémisia. L’edizione di quest’anno, come testimonia il nome, marca ancora di più lo stretto legame con Capannori, che va avanti dal 2015 richiamando tanti appassionati della cultura underground. “Capannori Underground Festival” , ideato e diretto da Gianmarco Caselli, è organizzato e promosso dall’associazione Vaga (Visioni Atipiche Giovani Artisti) in collaborazione con Comune di Capannori, Provincia di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Arci comitato Lucca Versilia.

“La manifestazione si distingue da sempre per richiamare ospiti di primo piano della cultura ‘controcorrente’ – commentano l’assessore alla cultura Francesco Cecchetti e il consigliere comunale Marco Bachi -. Anche per questa edizione sono attesi esponenti di spicco dell’underground, contribuendo così a rendere Capannori sempre più un punto di riferimento locale e nazionale dell’espressione artistica ‘controcorrente’. La valorizzazione di questi aspetti fa parte del programma di arricchimento culturale che la nostra amministrazione comunale è impegnata a portare avanti da tempo”.

“Ogni anno abbiamo ospiti importanti ed eccezionali – aggiunge l’ideatore e direttore artistico della rassegna, Gianmarco Caselli – Siamo felici che il Festival sia giunto a questi livelli e che la nuova amministrazione comunale abbia confermato l’interesse per questa iniziativa”.

Il primo appuntamento è sabato 12 ottobre alle ore 17.15 al teatro Artè di Capannori con Bobo Rondelli. Il cantautore presenterà il suo libro autobiografico “Che hai da guardare”. Nella pubblicazione Rondelli “fa i conti” con chi l’ha messo al mondo, con la Livorno che lo ha visto crescere, con le donne, con la solitudine, con l’alcol e la droga e con la musica.

Il secondo evento, sabato 19 ottobre alle ore 17.15, vedrà invece la partecipazione di Valerio Massimo Manfredi, archeologo, scrittore e conduttore televisivo, sempre al teatro Artè. Manfredi concentrerà il suo intervento sulla sua ultima fatica letteraria, “Quinto comandamento.” Nel suo libro Manfredi ricostruisce le vicende di un sacerdote del Novecento, Padre Mario Giraldi che, dopo aver aiutato i partigiani durante la Seconda Guerra Mondiale, pochi anni dopo parte per la sua prima missione in Congo.

L’ultimo appuntamento di “Capannori Underground Festival” è per sabato 26 ottobre, al polo culturale Artémisia a Tassignano alle ore 17.15 con Dome La Muerte, il noto dj che negli anni ’80 e ’90 è stato punto di riferimento di generazioni di toscani desiderosi di ballare musica alternativa. Dome La Muerte parlerà della musica underrgound italiana negli anni ’80-’90 e, nella stessa serata, Marco Puccinelli presenterà il suo repertage fotografico “Siberia, alla ricerca dell’infinito.” La serata si concluderà con una performance di Marianna Perilli sulla Beat Generation.

www.luccaunderground.it, Facebook e Instagram @luccaundergroundfestival

‘Ottobre Canta’:al via il 29 settembre la nuova rassegna di musica sacra

‘Ottobre Canta’:al via il 29 settembre la nuova rassegna di musica sacra

Si chiama ‘Ottobre Canta’ la nuova rassegna dedicata alla musica sacra e non solo, promossa dal Comune in collaborazione con la Misericordia di Capannori che a partire da domenica 29 settembre prevede quattro concerti gratuiti nelle chiese meno conosciute del territorio comunale.  A proporre i brani più celebri del repertorio sacro saranno cori e corali locali.

“’Ottobre canta’ è una manifestazione con la quale vogliamo offrire una nuova opportunità culturale di qualità alla nostra cittadinanza  e, al contempo, valorizzare alcune chiese del territorio meno note, ma che sono dei veri gioielli dal punto di vista architettonico e storico – afferma l’assessore alla cultura Francesco Cecchetti -. Ma c’è anche un terzo obiettivo, ovvero promuovere i cori e le corali del nostro territorio che per noi rappresentano una vera ricchezza sul piano artistico e musicale e che per questo meritano di essere valorizzati e fatti conoscere ad un pubblico sempre più ampio”.

Il primo appuntamento musicale è in programma domenica 29 settembre alle ore 17.30 nella chiesa di San Cristoforo a Lammari e vedrà protagoniste la Corale ‘Alfredo Catalani” diretta dal maestro Antonio Cipriani e il gruppo vocale ‘ Vox Clara’ diretta dal Maestro Giuliana Menchini. La rassegna proseguirà sabato 5 ottobre alle 17.30 nella chiesa di San Antonio Abate a San Colombano e vedrà esibirsi il coro parrocchiale di San Colombano diretto dal Maestro Gloria Serafini  e il gruppo vocale ‘Vox Clara’. Il terzo concerto di ‘Ottobre Canta’ tenuto dal Coro di Tofori diretto dal Maestro Federico Lunardi e dal Coro parrocchiale di S.Pietro a Marcigliano diretto dal maestro  Roberta Carignani è in programma domenica 13 ottobre alle 17.30 nella Chiesa dello Stefani in via di Tofori a Camigliano. Il quarto e ultimo appuntamento musicale della rassegna si terrà domenica 20 ottobre alle 16.30 nella chiesa di San Martino in Ducentola a Marlia con l’esibizione della Corale Santa Cecilia di Marlia diretta da Maestro Carlo Pucci e del coro parrocchiale ‘S.Lorenzo’ di Segromigno in Monte diretto dal Maestro Piera Linguiti.

Pin It on Pinterest

UA-103191071-1